Racconto del viaggio a Madrid, Spagna, Spain Travel and Links

"Il VERO viaggio dello scoprire non consiste nel vedere paesaggi nuovi, ma nell'avere nuovi occhi" M. Proust

 
la galleria fotografica
by Anna


 

periodo settembre 2006
km percorsi ...
costo ...
a cura di... Anna

 

 

   

Sabato 16 settembre 2006
Insieme alla mia amica Roberta, compagna di altre avventure e ai suoi amici Roberto e Cristina, partiamo alla volta di Madrid.
Il volo di andata è stato un tantino movimentato. In fase di decollo, durante la salita, qualcuno dice una lampadina, qualcuno dice di no, fatto sta che c’è stato un piccolo botto e una piccola esplosione lungo il corridoio, proprio in prossimità dei posti di Roberta e Cristina. La gente si è un tantino allarmata, sia mai che cascasse l’aereo; ma le hostess non si sono minimamente scomposte. L’aereo ha proseguito la sua salita e la gente si è tranquillizzata. In fase di discesa ci siamo chiesti più volte se il pilota avesse preso il brevetto da Cepu perché non è stata una gran discesa, ma forse non era tutta colpa sua. Comunque quando finalmente avevamo i piedi, o meglio le ruote per terra l’aereo è cascato in pezzi. Alcune persone si sono viste arrivare direttamente in testa non solo le mascherine di ossigeno ma l’intero pezzo di aereo, ripiano, pulsanti e luci. Fortuna che eravamo già a terra!
Recuperati i nostri bagagli ci siamo subito diretti alla ricerca del bus, gratuito, che consente di spostarsi da un terminal all’altro e quindi di andare a prendere la metropolitana che ci porta in città.
Il viaggio è veloce, abbiamo consultato la cartina per capire dove fosse il nostro albergo e quale fosse la fermata più vicina.
Per chi non lo sapesse Madrid è la capitale della Spagna. La storia di Madrid inizia più o meno intorno all’852 quando i Mori costruirono una fortezza nei pressi del fiume Manzanares o rio, dipende un po’ dai punti di vista. Poi la storia è ovviamente andata avanti ma non è il caso di soffermarsi su questi aspetti.
A Madrid fa caldo, molto caldo. Devo dire che il primo impatto con Madrid non è dei migliori. La Calle de Fuencarral, la via del nostro albergo, è tutta in subbuglio, alcuni edifici sono un po’ fatiscenti. Un gruppo di tifosi passa per la via cantando inni di gloria.
Troviamo l’indirizzo e il palazzo del nostro hostal (http://www.hostallosalpes.com - camera tripla con bagno 54 euro a notte). Siamo un po’ dubbiosi. Entriamo e ci incamminiamo per le scale. Il palazzo è in ristrutturazione, stanno mettendo l’ascensore e facendo parecchi lavori. Arriviamo al piano del nostro hostal e suoniamo il campanello. Viene ad aprirci una signora dalle chiare origini sud-americane che non parla una parola di inglese, poco male, vorrà dire che eserciteremo il nostro misero spagnolo.
Dobbiamo ammettere che visto il palazzo non eravamo più tanto convinti che la nostra scelta fosse stata buona, certe volte quando si gioca un po’ troppo al risparmio si rischiano delle fregature, ma l’interno dell’appartamento è molto bello e curato. Un lungo corridoio porta alle stanze che abbiamo prenotato. La nostra camera è molto carina, pulita e gli arredi sono decisamente nuovi. Il bagno è anche spazioso. La finestra dà direttamente nel piccolo cortiletto del palazzo ora totalmente ingombro dalle impalcature per i diversi lavori. Nonostante le pale al soffitto nella camera fa molto caldo. Ci diamo una sistematina ed eccoci pronti per uscire alla scoperta di Madrid.

 

 

 


 

 

 

 

 

 

 

 

 


 

 

 

... PROSEGUI IL RACCONTO